Cavabianca e l’affinamento a 70 metri di profondità

Pubblicato il
03-12-2018

Cavabianca e l’affinamento a 70 metri di profondità

Le Grotte di Castellana diventano la cantina naturale più suggestiva al mondo

La nostra azienda, il nome della nostra cantina, la nostra storia, sono tutte profondamente legate a Castellana Grotte, la città in cui la nostra passione ha preso vita. Vogliamo omaggiare questa terra sperimentando la fase dell’affinamento: porteremo 3000 bottiglie del nostro Cavabianca giù nelle meravigliose Grotte di Castellana, alla profondità di 70 metri, dove le condizioni di temperatura e umidità sono perfette per la fase dell’invecchiamento del vino.

Le bottiglie seguiranno il processo di affinamento nella Caverna della Fonte i cui spazi sono stati recentemente recuperati e resi idonei grazie al contributo della nostra azienda. Qui le condizioni dell’ecosistema carsico, tramite la micro-ossigenazione tra il tappo in sughero senza capsula e l’ambiente circostante, conferiranno al vino maggiore longevità e proprietà organolettiche uniche.

La sperimentazione del processo di affinamento in grotta è il primo passo di una partnership fra Terrecarsiche e le Grotte di Castellana, la prima tappa di un percorso che vede protagoniste le eccellenze gastronomiche e le meraviglie naturalistiche del territorio.

Condividi questa notizia